Cosa è Vulkan Runtime Libraries ?

Disinstallando qualche applicazione, o semplicemente curiosando, potreste aver trovato installate le Vulkan Runtime Libraries nel vostro PC senza riuscire a capire di cosa si tratta.
Il nome è piuttosto strano e potreste avere qualche preoccupazione pensando che si tratti di qualche malware o virus.

Chiariamo: Vulkan Runtime Libraries non sono un malware e nemmeno un virus e possono (anzi, devono) essere lasciate tranquillamente dove si trovano.

Le Vulkan RunTime Libraries, note anche come VulkanRT, sono delle librerie installate dalle schede video NVIDIA, Intel o AMD, spesso insieme al driver della scheda video. In sostanza si tratta di un supporto software alla propria scheda video per l’elaborazione 3D e sono utili ad ottimizzare il funzionamento e il carico su GPU e CPU.

Autore dell'articolo: Riccardo

Classe 1985, perugino, appassionato di un numero imprecisato di cose: dall'informatica alla letteratura; dalla musica, sia ascoltata che suonata (male), al cinema, dalla cultura locale, al teatro, alla politica. Impiegato di giorno, webdesigner e grafico di notte, nel 2008 partorisce quella che tutt'ora - forse - è la sua idea migliore (il che è tutto dire), ovvero Wikidonca, il primo dizionario dialettale online d'Italia. Attore teatrale amatoriale (cane maledetto!), ha scritto diverse sceneggiature che sono state però poi lette solo da lui. È collaboratore e co-autore del "Corzo di Perugino", spettacolo semiserio di lingua e cultura locale ideato da Diego Mencaroni che dal 2008 ha conteggiato centinaia di date nella provincia di Perugia. Appassionato di birre e vini, pensava di avere un problema con l'alcol, finché non si è reso conto che in realtà è l'alcol ad avere grossi problemi con lui. Vanta (con chi?) diverse comparsate su quotidiani, radio locali e nazionali, per fortuna livellate dalla sporadicità di quelle televisive. Dicono di lui: "Scontroso e irascibile spadaccino dal lunghissimo naso, scrittore in bolletta dall'irresistibile vitalità. Leggendaria la sua abilità con la spada, almeno quanto la sua passione per la poesia e per i giochi di parole, con i quali ama mettere in ridicolo i suoi nemici, sempre più numerosi grazie al suo carattere poco incline al compromesso e al suo disprezzo verso potenti e prepotenti..." ah, no scusate, questo era Cyrano di Rostand.